Se il cammino è la meta del viaggio, allora meglio viaggiare pedalando

DALL’ ADRIATICO AL MAR LIGURE

Partiamo dalla bellissima Chioggia, la piccola Venezia, ricca di canali ed adagiata lungo uno sperone di sabbia sulle coste del Mar Adriatico, diretti verso il Mar Ligure. Percorso Est – Ovest, per avere un po’ meno il sole in faccia. Visiteremo città d’arte, paesini perduti nella Pianura Padana e costeggeremo antichi fiumi, dal passato ricco di storia.

Abbiamo percorsi 700 km in 7 giorni.

 

Trovate qui le mappe GPX 

 

 

SINTESI DEL PERCORSO

  • Pedalando la larghezza di un intero paese!
  • Una campagna splendida, pedalando lungo le sponde di grandi fiumi
  • Toccando città storiche come Ferrara, Mantova, Peschiera, Brescia…
  • Restando a bocca aperta davanti al Duomo di Milano, la Certosa di Pavia e il suo storico Ponte Coperto
  • Attraversando le valli dove le Alpi si fondono con gli Appennini, arrivando fino alla Riviera e al Mar Ligure

 

 


I NOSTRI ITINERARI

 

DAY 1   CHIOGGIA – FERRARA  100,5 km

L’idea originale del nostro viaggio è di attraversare l’Italia da Est a Ovest è di pedalare lungo il fiume Po e altri antichi fiumi. La nostra nuova avventura inizia dalla bellissima città di Chioggia, la piccola Venezia, piena di canali e situata lungo uno sperone di sabbia sulle rive del Mar Adriatico.

 

 

Siamo partite dall’Est – Ovest, per evitare il sole davanti a noi. Visiteremo città d’arte, villaggi sperduti nella pianura Padana e andremo lungo antichi fiumi ricchi di storia.

Quindi montammo le borsine della nostra bicicletta e ci preparammo per la nostra prima tappa verso Ferrara.

 

 

Questo è il nostro arrivo a Ferrara, la città degli Este (antica dinastia Italiana).

 

 

Esteso fino al delta del Po, la provincia di Ferrara offre scenari di raro fascino. La campagna è piuttosto piatta, circondata da vaste pianure e un’abbondanza di canali. La posizione geografica dei fiumi e dei canali della Provincia ne fanno un importante crocevia tra il Mar Adriatico, l’Italia settentrionale e l’Europa.

 

 

Siamo arrivati alle 22 di sera a Ferrara dopo aver lasciato Chioggia verso le 16.  È stata una giornata lunga e complicata, ma oltre alla lunga pedalata notturna, siamo riusciti a raggiungere la nostra destinazione tranquillamente. Siamo stati a HOTEL NAZIONALE. Il personale era  gentile ad aspettarci per il nostro arrivo tardivo nell’albergo. Lo consigliamo vivamente! La posizione è ottima e nel cuore di Ferrara. Molto pulita e ordinata e abbiamo fatto un’ottima colazione.

 

DAY 2   FERRARA TO MANTOVA  100,6 km 

Lasciando Ferrara, sulla riva destra del Po. Siamo saliti sul traghetto e poi lungo la riva sinistra, sempre del Po, seguendo l’EuroVelo 8, che coincide con la pista ciclabile del Po, fino alla confluenza con il fiume Mincio. Da lì, abbiamo percorso la pista ciclabile del Mincio, parte dell’EuroVelo 7, fino a Mantova. Abbiamo incontrato molte persone simpatiche lungo la strada e nella caffetteria al Bar La Nave di Melara Po.

 

 

Abbiamo raggiunto i 46 gradi lungo il fiume Po, che è davvero caldo !!! Con questa temperatura abbiamo portato con noi molte bottiglie d’acqua in più. L’idea di usare calzini bagnati da indossare sulla bottiglia d’acqua aiuta a mantenere la freschezza dell’acqua.

 

 

 Finalmente siamo arrivati a Mantova, una città che vale la pena percorrere mille miglia!

 

 

Siamo stati a HOTEL DEI GONZAGA, e la nostra camera aveva una vista di fronte a Piazza Sordello!

 

 

Molto pittoresco e molto rilassante dopo un lungo percorso. Siamo arrivati fino qui e non ci siamo delusi.

A Mantova, c’è quasi troppo da comprendere con gli occhi: gli archi sono dappertutto, a sinistra, a destra e sopra la testa; stretti passaggi medievali che si trasformano improvvisamente in chissà dove.

 

DAY 3   MANTOVA TO DESENZANO  71,6 km 

Ciao Mantova, a presto!

Ripartiamo … così abbiamo visitato Mantova e con la prossima destinazione, Desenzano.

Questa è la nostra terza tappa del nostro viaggio dall’Adriatico al Mar Ligure, lungo fiumi di antiche stirpe e una città con tanta storia. Si parte da Mantova; visita della città per visitare la Chiesa di San Michele,

 

 

e l’antica Rotonda di San Lorenzo – arricchita dalla piacevole conversazione con la signora che la custodisce.

 

 

Poi Piazza Sordello con il Palazzo Ducale e infine una rapida visita alla statua di Virgilio.

Arrivederci Mantova ….

 

 

Risaliamo con l’EuroVelo 7 fino a Peschiera in fioritura!

 

 

e poi fino alla Rocca di Sirmione dove sfortunatamente (vergognosamente) i ciclisti sono banditi e respinti. Che peccato! Nemmeno un parcheggio per le biciclette!

 

 

Sirmione è situata su una penisola che si estende per circa 4 km nel basso Lago di Garda, in provincia di Brescia. È famoso per il fascino del suo centro storico, con i suoi vicoli stretti e irregolari, per le Terme di Catullo, per le chiese “Santa Maria Maggiore” e “San Pietro” a Mavino, per le rovine della Villa Romana del poeta Catullo, noto anche come “Grotta di Catullo”.

Arriviamo al bellissimo Desenzano da cui il giorno dopo partiremo, lasciando il Lago di Garda.

 

 

Una biretta per la sete!

 

 

E un’insalatona per riempire i nostri stomaci affamati!

 

 

Siamo stati da VILLA LILLA B & B. Il personale è molto accogliente. Il B&B è ben arredato con un bel giardino intorno. È a pochi passi dal porto e da tutti i ristoranti locali. Abbiamo mangiato un’abbondante colazione!

 

DAY 4     DESENZANO – CASSANO D’ADDA   114,6 km 

Attraversando da est a ovest del nord Italia da costa a costa, percorrendo un po ‘meno i grandi fiumi, ma toccando la città delle due cattedrali, Brescia, con il suo centro storico mozzafiato e innumerevoli borghi longobardi.

 

 

La provincia di Brescia è considerata una delle città più antiche e belle d’Italia, il suo patrimonio urbano e architettonico si manifesta nelle sue piazze principali: Piazza del Foro, Piazza del Duomo, Piazza della Loggia e Piazza della Vittoria.

 

 

Incontri con due simpaticissimi Caravaggine, che hanno subito apprezzato la nostra causa e si sono uniti al nostro canale Bicinviaggio (grazie con tutto il cuore!). Arriviamo come sempre, quando comincia a fare buio sulle rive del fiume Adda, da dove inizieremo a pedalare di nuovo incontro con il Naviglio Marchesana.

Siamo stati all’HOTEL JULIA una villa dei primi del novecento circondata da un parco.

 

 

Una posizione perfetta vicino al centro città. Una struttura antica e molto accogliente. Ti dà quella sensazione del tempo passato. Il personale è stato molto accogliente e gentile! Dopo un altro giorno di lunga pedalata, è sempre un piacere avere un letto comodo su cui dormire.

 

 

DAY 5   CASSANO D’ADDA – PAVIA  79,9 km 

Eccoci alla quinta tappa della nostra Italia da costa a costa, lungo i Navilgi Martesana e del Pavese, da Cassano d’Adda a Pavia. Il Duomo di Milano ci sorprende ogni volta.

 

 

Ma la Certosa di Pavia ci riempie di grandissima meraviglia, increduli di come si possa dare vita al marmo.

 

 

Arriviamo a Pavia, dormiremo vicino al Ponte Coperto (dove c’è un altro pezzetto dei nostri cuori), dalla Signora Angela della Residenza i Mille, che già ci conosce e ci fa sentire ogni volta come a casa.

 

DAY 6    PAVIA – ACQUI TERME  115,2 km 

Nonostante sia una tappa di trasferimento verso i monti liguri e si incontrino meno città d’arte, rimane una tappa che ci resterà nel cuore per la simpatia della gente incontrata e per i paesini e la campagna Pavesi ed Alessandrini.

 

 

Siamo stati dall’ALBERGO RONDÒ. Si trova nel centro della zona termale e il rinomato Acqui Terme. È disponibile un parcheggio per le biciclette dentro un garage sicuro.

 

 

DAY 7 ACQUI TERME – LOANO 109,1

Siamo nell’ultima tappa della nostra Italia da costa a costa, con arrivo alla nostra città, Loano, sulla Riviera Ligure. Portare un viaggio a termine è sempre una grande soddisfazione, arrivare fino a casa lo è ancora di più. Le nostre avventure non finiscono qui ovviamente. Noi, per sempre, ci porteremo nel cuore tantissime immagini ed emozioni che abbiamo vissuto pedalata dopo pedalata. Ci ricorderemo dei sorrisi della gente cordiale che abbiamo incontrato, il paesino, la chiesetta, il ponte, il colle… quando pensiamo ad un viaggio che abbiamo fatto in bicicletta, anche a distanza di anni, chiudendo gli occhi potremmo ripercorrerlo tutto con la mente. Questo ci succede solo quando viaggiamo in bicicletta. A presto!

 

Arrivo a LOANO !!!!

 

 


 

Italia coast to coast dall’Adriatico al Tirreno